Home Gianluca chi?

Gianluca chi?

 

 

[Odio le bio, ma tocca farle, specie in queste situazioni]

Mi chiamo Gianluca Bottiglieri, piacere. Ho quasi 27 anni e mi ritrovo a scrivere sul mio primo travel blog personale. Sono nato a San Giuseppe Vesuviano, in provincia di Napoli, ma ho vissuto per tanto tempo a Ottaviano, paese confinante nel quale risiedo tuttora. Al momento però, scrivo da una stanza in affitto a Napoli, all’interno di una casa condivisa con il mio coinquilino Mario.

Abito a Napoli per motivi di lavoro. Da circa un anno e mezzo mi occupo di Link Building, Native Advertising e Digital PR presso Seo Cube, tra le migliori web marketing agency italiane. Anzi, già che ci siamo, LA migliore. L’orgoglio di lavorarvi non è mai abbastanza del resto.

La passione per la scrittura nasce dai tempi delle scuole superiori. Nei compiti scritti di italiano avevo sempre voti altissimi, ma sceglievo sempre la traccia libera. All’orale invece, mi beccavo malvolentieri voti bassi. Una volta osai esclamare che la parola “Lavandare” , dell’omonimo componimento di Giacomo Leopardi, fosse un infinito e mi beccai un 2 che mi costò l’acquisto del mio primo scooter. La mia professoressa di lettere però mi ha sempre sostenuto, forse anche troppo, illudendomi di essere un bravo scrittore.

Da qui la scelta di frequentare (e solo frequentare) la Facoltà di Scienze delle Comunicazioni a Roma, presso l’Università La Sapienza. Due anni, dodici esami, pochi rimpianti e niente laurea. Sono stato male per anni all’idea di non esser riuscito a conseguire un titolo di studio accademico, ma poi, la coscienza ha preso il sopravvento e ho capito che lo studio non fa per me.

Ritornando alla scrittura, dopo due anni e mezzo di tirocinio presso una testata giornalistica sportiva online, Napolisport.net, ho conseguito il tesserino da giornalista pubblicista. Questo mi ha permesso di lanciare nel mentre una testata tutta mia, StopandGoal.net. Un’esperienza bellissima, tra le (poche) cose migliori che abbia mai messo su in vita mia. Ed è proprio per questo motivo che è ferma da quattro mesi, ma siamo pronti a ripartire con un altro progetto. Ho lavorato inoltre, presso altre testate sportive. Esperienze più o meno gratificanti, ma tutte sicuramente essenziali per il proseguo della mia vita professionale.

Per il resto, amo la musica. In ogni sua accezione, ma se dovessi apporre dei filtri direi: brit pop, pop, trip hop, indie-rock, elettronica. Sono un fan sfegatato di quei cafoni dei fratelli Gallagher. Spendo in media 200 euro l’anno di concerti. Amo acquistare ancora cd e vinili che mai ascolterò perché abbonato a Spotify Premium, ma volete mettere la bellezza di esporre le proprie copertine preferite come oggetto di arredamento?

Adoro il calcio.  Ne sono perdutamente innamorato. Anche troppo. Tifo per il Napoli, nel bene e nel male. Quindi sono destinato a soffrire, sportivamente parlando.

Riguardo i viaggi, invece, ho girato un bel po’ di Italia, da Nord a Sud. Sull’estero ho portato le mie chiappe in queste città: Berlino, Monaco di Baviera, Amsterdam, Madrid, Barcellona, Valencia, Parigi, Vienna, Bratislava, Londra, Budapest. Sono stato in vacanza in Grecia, precisamente a Corfù e poi di recente in Croazia, sull’isola di Pag. Spero di varcare i confini continentali a breve.

Se sono qui a scrivere questa bio, è perché mi sono messo in testa di fare un viaggio al mese in questo 2018, aggiungendo altre località a quelle sopra indicate, per poi raccontare tutto su questo blog.

Comments are closed.